Domande e risposte

13. Biodiversità

Il Progetto di Parco ha come obiettivo strategico il sostegno al mantenimento e la cura delle aree aperte estensive, come dimostrano gli aiuti diretti dati agli agricoltori in questi anni, i lavori di recupero di oltre 6 ettari di prati abbandonati e ormai ricoperti di felci, il sostegno concreto agli alpeggi presenti nelle future zone centrali e quello alla gestione di alcuni biotopi di importanza nazionale.


Le zone centrali, a parte le aree di alpeggio che verranno gestite anche nel futuro, sono già in fase di evoluzione naturale da almeno 50 anni.


A lato della biodiversità legata alle zone pascolate che vengono mantenute, la biodiversità dei boschi è un tassello essenziale di questo territorio. Il Parco sostiene attivamente le ricerche condotte dagli esperti del Museo Cantonale di Storia Naturale che in poco tempo hanno già trovato specie nuove per la scienza, specie nuove per il Ticino e numerose specie considerate scomparse dal nostro territorio.

Torna alla lista delle domande

Nelle pagine del sito non hai trovato quello che cercavi?